Strehler e Cechov

Tutto Cechov per me è attivo. Non è un poeta  della rinuncia  e della disperazione. Ma non per questo non conosce il dolore, il dolore persino di essere vivo e di fare, fino all’ultimo, ciò che deve essere fatto. Giorgio Strehler

Alcuni attori protagonisti di storiche regie strehleriane – con Lev Dodin, maestro del teatro russo per il quale Cechov è l’autore di riferimento – ricostruiscono il rapporto di Strehler con la poetica cechoviana. È un viaggio emozionante in cui Strehler trovò una sintonia straordinaria con lo scenografo e costumista Luciano Damiani. Jack Lang e Carlo Tognoli fanno rivivere la grande utopia realizzata del Teatro d’Europa, dalla concezione alla realizzazione.

Strehler e Cechov
coordina Fausto Malcovati
con la partecipazione di Lev Dodin e Carlo Tognoli
testimonianze in video di Valentina Cortese, Monica Guerritore, Jack Lang e Luciano Damiani
letture degli attori diplomati alla Scuola di Teatro “Luca Ronconi” del Piccolo Yasmin Karam e Marco Risiglione
musiche di Fiorenzo Carpi eseguite dagli allievi del Conservatorio di musica “Giuseppe Verdi” di Milano Gabriele Duranti (pianoforte), Cristiana Franco (violino), Valentina Cangero (violoncello), Dea Škorić (mandolino), Paolo Camporesi (fisarmonica)
direzione musicale Cesare Della Sciucca
coordinamento a cura del professor Roberto Tarenzi