Emilia

Durata: 1 ora e 30 minuti senza intervallo

"Un puzzle complesso che si compone mirabilmente"
Leggi la recensione di "Repubblica" in formato pdf


Claudio Tolcachir, torna al Piccolo con un altro “gruppo di famiglia in un interno”, dopo il successo nel 2012 de Il caso della famiglia Coleman. Per questo suo nuovo racconto teatrale l’autore e regista argentino dice di aver tratto spunto da una vicenda personale: l’incontro, casuale, con colei che era stata la sua “tata” quand’era bambino. In un palazzo di Buenos Aires, Emilia ritrova Walter, il bimbo accudito da giovane, oggi quarantenne. Emilia è sola, invecchiata, amareggiata, evidentemente in difficoltà. Walter la invita a casa ed Emilia scopre chi e cosa è diventato quel bimbo poco brillante, cicciotto e apparentemente pacioso: un uomo violento e aggressivo, geloso all’inverosimile della donna che ha sposato, dispotico con il figlio che lei ha avuto da un precedente matrimonio. Un nuovo combattimento di Tolcachir sul ring chiamato famiglia.

Perché vederlo?
Per farsi commuovere dalle emozionanti dinamiche familiari che Claudio Tolcachir mette in campo. Per essere coinvolti in un tipo di teatro che ha riacquistato la sua funzione sociale e civile di rito collettivo.

Durata: un’ora e 30 minuti senza intervallo

Piccolo Teatro Grassi
dal 9 al 19 aprile 2015
Emilia
scritto e diretto da Claudio Tolcachir
con Elena Boggan, Gabo Correa, Adriana Ferrer, Francisco Lumerman e Carlos Portaluppi
scenografie e assistente regia Gonzalo Córdoba Estevez
disegno luci Ricardo Sica
produzione Timbre 4
in coproduzione con Centro Cultural San Martin de Buenos Aires e Festival Santiago a Mil, Cile
in collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese
in collaborazione con SIA Società Italia-Argentina
coordinamento e distribuzione Aldo Miguel Grompone, Roma

spettacolo in lingua spagnola con sovratitoli in italiano