I giganti della montagna

da a al Piccolo Teatro Strehler

L’ultimo capolavoro pirandelliano, forse il più evocativo anche perché incompiuto: «il finale non scritto – dice Gabriele Lavia nelle note di regia – vorrei che fosse una speranza, meglio, una certezza laica, che la poesia non può morire».

Nessun posto selezionato