"Freud o l'interpretazione dei sogni" - La psicanalisi e il cinema

Chiostro Nina Vinchi
Concluso

La psicanalisi e il cinema: un binomio inevitabile se è vero, come dice Maurizio Porro, che «nulla come andare a vedere un film somiglia a guardarsi dentro». E sarà proprio il critico del Corriere della Sera a guidare il pubblico dell'incontro tra le pieghe della settima arte, scoprendo come «tutto il cinema confina con la psicanalisi».

«Nulla come andare a vedere un film somiglia a guardarsi dentro, magari anche valicando quella parete bianca come immaginò Woody Allen. Si sta al buio, si fa un sogno non personale ma collettivo e poi lo si indossa secondo le proprie misure di inconscio. Tutto il cinema confina con la psicanalisi».
Con queste parole Maurizio Porro introduce l'incontro dal titolo La psicanalisi e il cinema, organizzato dal Piccolo Teatro in occasione del debutto dello spettacolo Freud o l'interpretazione dei sogni di Stefano Massini, regia di Federico Tiezzi, in scena al Teatro Strehler dal 23 gennaio all'11 marzo 2018. In occasione dello spettacolo, il Piccolo organizza, oltre a un ciclo di incontri, la rassegna cinematografica Passioni segrete - Sigmund Freud, tra cinema e teatro, sempre curata da Maurizio Porro, in programma all’Anteo Palazzo del Cinema dal 5 febbraio al 12 marzo 2018. 

 

Orari