Tramedautore 2019 – Camp degli Autori

Tramedautore 2019 si cala nella cultura euromediterranea, dal carattere intrinsecamente plurale, per creare un percorso drammaturgico e spettacolare che indaghi le regole della convivenza e delle relazioni aiutandoci a ricomporre orizzonti, senso, a superare solitudini. Sul versante nazionale, il Festival privilegia gli artisti prossimi al Mediterraneo (Sicilia e Campania) essendo i più esposti, inevitabilmente, alle dinamiche dei suoi scenari, mentre sul fronte internazionale dà voce a uno degli artisti più interessanti del Kosovo, e a una conferenza /spettacolo multilingue.

Accanto agli spettacoli (per conoscere il programma clicca qui) il Chiostro Nina Vinchi ospita un ciclo di 10 appuntamenti a ingresso libero, Camp degli Autori, in collaborazione con mare culturale urbano, propone performance in pillole e momenti interattivi di giovani autori, verso la scoperta di nuove drammaturgie che incrociano la danza e il rap.
L’invito agli spettatori è condividere con gli artisti quei passaggi della creazione teatrale, per un’esperienza che può essere rivitalizzante perché più consapevole del rito teatrale.

venerdì 13 (Foyer Teatro Studio Melato), lunedì 16 e domenica 22 settembre 2019 (Foyer Teatro Grassi), ore 19.30 circa
Camp degli Autori | Chiara Taviani – Drammaturgia nascosta
con Carlo Bussetti, Loretta d’Antuono, Simone Previdi, Marta Ruggieri
Un dispositivo nascosto che, grazie ad alcune semplici regole, coinvolge il pubblico inconsciamente nella scrittura di una vera e propria drammaturgia scenica. Lo spettatore che va a teatro, non si aspetta infatti di ritrovarsi coinvolto in una scena, dai tratti comuni e quotidiani che solo per una serie di incastri ritmici ed estetici diventerà una performance immediata ed improvvisa. La drammaturgia nascosta, per definizione, viene rivelata solo nel suo epilogo rendendo l’esperienza visiva e partecipativa unica a sé.

sabato 14 settembre 2019 – Chiostro Nina Vinchi
ore 15Lo Stato dell'Arte
incontro pubblico con la partecipazione di Oscar De Summa, Maniaci D’Amore, Frosini/Timpano, Marco Maria Linzi/Teatro della Contraddizione
Gli artisti non presenteranno spettacoli già realizzati e conclusi ma si incontreranno per parlare dei percorsi in fieri; saranno invitati a condividere quella fase estremamente delicata della creazione dove prendono forma le utopie e le immaginazioni e dove la verifica della scena restituisce altri nuovi segnali. Dopo una giornata di lavoro a porte chiuse, gli artisti si confrontano con gli spettatori e operatori interessati al loro lavoro e alla narrazione dei loro processi in corso.
ore 19 – Camp degli Autori | Chiara Taviani – #coreografia
con Alessandra Onnis, Fiammetta Cistriani, Lucilla Cerioli, Cinzia Franciotta, Sabrina Felli, Marta Ruggieri, Luana Bigioni
Il Camp degli Autori #coreografia è un percorso di formazione alla scrittura coreografica e corporea in spazi non-convenzionali. Nel Chiostro del Teatro Grassi verranno allestiti dei piedistalli sopra i quali ogni performer proporrà la propria opera in una versione espositiva, live, con tratti surreali e cinematografici.

domenica 15, mercoledì 18, venerdì 20 settembre 2019, ore 19 – Chiostro Nina Vinchi
Camp degli Autori | Diamante – Rapper
con i giovani del laboratorio di rap Unity, condotto da Diamante
Unity è un laboratorio di scrittura, rap e performance dedicato a ragazzi di età compresa fra gli 11 e i 20 anni che si propone di introdurre i giovani alla musica accompagnandoli in un percorso di formazione, lavorando su tematiche d’ attualità – mondo del lavoro, vivibilità del proprio quartiere, bullismo, senso di alienazione etc. Il laboratorio, utilizzando la scrittura e la performance, punta a sensibilizzare e responsabilizzare ragazzi che spesso portano con loro storie di vita molto difficili. Il rap riesce a sciogliere nodi interiori che rimarrebbero irrisolti.

martedì 17 settembre 2019, ore 19 – Chiostro Nina Vinchi
Camp degli Autori | Bruna Bonanno – METE
Bruna Bonanno, giovane drammaturga in residenza a Mare culturale urbano presenta METE, un testo che, attraverso le varie fasi di un gioco tra due bambini, si interroga su cosa succede quando si incontra l’altro, su come si risponde all’altro mai in termini di responsabilità, su quando succederà di interrompere la regola prima di te ci sono io.

giovedì 19 settembre 2019, ore 19 – Chiostro Nina Vinchi
VARIAZIONI SUL MODELLO DI KRAEPELIN (o il campo semantico del coniglio in umido)
Conversazione e incontro pubblico con gli allievi del Dipartimento di Scenografia, dell’Accademia di Belle Arti di Brera, coordinati da Ferruccio Bigi. Proiezione del video di realizzazione dei contenuti e percorso guidato lungo l’esposizione.
A partire dal testo di Davide Carnevali, vincitore del premio Riccione Marisa Fabbri nel 2009 i ragazzi hanno lavorato alla progettazione delle scene e dei costumi per la messa in scena e, al termine del percorso progettuale, l’autore si è prestato a vedere e commentare i lavori. Ne è emerso un confronto molto stimolante che ha permesso la definizione di una ventina di proposte che si vuole condividere anche con il pubblico del Festival. L’installazione sarà fruibile durante tutte le giornate del Festival

sabato 21 settembre 2019 – Chiostro Nina Vinchi
ore 16.30 – Cerimonia di assegnazione del premio drammaturgico Carlo Annoni II edizione
Il Premio, ideato da Corrado Spanger Radovan, è dedicato a testi teatrali sulle diversità nella sfera dell’amore. Attraverso una open call internazionale sono stati selezionati da una giuria internazionale: un testo in lingua italiana, uno in lingua inglese e una menzione speciale per un corto teatrale.
ore 19 – Making of
opera collettiva di Andrei Feraru, con il contributo per la drammaturgia e la messa in scena di Patricia Feraru, Sarah-Jane Sauvegrain, Silvia Sorina Cîrcu con Marilena Ivan, Thomas Ducasse conferenzieri Andrei Feraru, Emilio Sciarrino produzione ARchiThéâtres, Desidératé, Gaspard&cie (Parigi)
Making of si presenta sotto forma di un “falso dibattito”/vero spettacolo, per illuminare con umorismo e malizia la nascita di una nuova messa in scena dal titolo 12 giovani, arrabbiati? liberamente ispirato a Dodici uomini arrabbiati di Reginald Rose (da cui il celebre film La parola ai giurati), famoso esempio di “ragionevole dubbio“.

domenica 22 settembre 2019, ore 22 – Chiostro Nina Vinchi
Selezione musicale di black e pop music per ballare insieme agli spettatori a cura del rapper Diamante