Processo Galileo

Spettacolo in tournée
Produzione
©Opera di Daniele Spanò
Acquista Biglietti da 20

Tre storie, tre diversi momenti uniti in un unico spettacolo. Un presente, dove una donna indaga, partendo dalla figura di Galileo, i drammi e le visioni della scienza contemporanea; un passato storico, in cui avviene l’abiura; e un futuro, dove, riprendendo la struttura del galileiano Dialogo sopra i massimi sistemi, si svolge un distopico simposio intorno a una tecnologia ormai elevata a nuova divinità.

-
Piccolo Teatro Strehler

La vita e l’opera di Galileo Galilei rappresentano uno spartiacque per la nostra cultura, una chiave di volta della modernità occidentale. Galileo è colui che spezza definitivamente i cieli aristotelici, rompendo un modello di raffigurazione del mondo che per secoli aveva rincuorato l’uomo. Scienza e teologia, rappresentazione e verità si dividono definitivamente.
Nel testo di Angela Dematté, una donna di oggi è chiamata a raccontare per una rivista divulgativa il nuovo paradigma – il cambio di percezione del reale – che la scienza sta ponendo. Il lutto che la donna sta elaborando, però, la costringe ad affrontare un discorso più vasto, che mette in discussione la sua visione del mondo. 
Galileo è anche l’inizio di un processo storico: a partire dallo scienziato – e dal suo binocolo – il progredire dell’apparato tecnico coincide con l’idea di progresso tout court; da allora la potenza scientifica s’identifica con la forza dei suoi dispositivi, di cui oggi vediamo il pieno sviluppo nel sogno contemporaneo dell’intelligenza artificiale e dell’automatizzazione universale. Intorno a questa ipotesi, Fabrizio Sinisi sviluppa una parabola in versi sul tema di una generazione che ha legato indissolubilmente il proprio destino a quello delle sue tecnologie.
A unire i due testi, le parole del processo a Galileo del 1633, con i suoi personaggi e il suo linguaggio. Tre sequenze, quindi, che corrispondono ad altrettanti processi che – con diversi linguaggi e modalità espressive – indagano i destini e gli interrogativi del mondo contemporaneo e di quella che oggi chiamiamo modernità.

Durata: spettacolo in allestimento

La Locandina

Processo Galileo
di Angela Dematté, Fabrizio Sinisi 
dramaturg Simona Gonella 
regia Andrea De Rosa, Carmelo Rifici
con Luca Lazzareschi, Milvia Marigliano
e con (in ordine alfabetico) Catherine Bertoni de Laet, Giovanni Drago, Roberta Ricciardi, Isacco Venturini
scene Daniele Spanò 
costumi Margherita Baldoni 
progetto sonoro GUP Alcaro 
disegno luci Pasquale Mari 
produzione LAC Lugano Arte e Cultura, TPE - Teatro Piemonte Europa, Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale
in collaborazione con Associazione Santacristina Centro Teatrale
partner di ricerca Clinica Luganese Moncucco

Biglietti
Categoria spettacolo Ospitalità
Platea
Intero € 33 | Ridotto (under 26 e over 65) € 21
Balconata Intero € 26 | Ridotto (Under 26 e over 65) € 18

Abbonamenti
Lo spettacolo è in abbonamento
Per acquistare online un abbonamento clicca qui

Come e dove acquistare
Per informazioni clicca qui

COVID-19 
Leggi le linee guida per l'accesso alle attività

Gruppi e pubblico organizzato
Per informazioni sui biglietti per il pubblico organizzato:
tel. 02 72 333 216
mail promozione.pubblico@piccoloteatromilano.it

Altri spettacoli in questo teatro

In evidenza