L'infinita ricerca. Luca Ronconi al Piccolo Teatro

Viaggio al centro del teatro, della creatività, della passione per la didattica di Luca Ronconi – a cinque anni dalla morte – per raccontare le sue quindici stagioni al Piccolo, esplorando lo “spettacolo infinito”, come amava definirlo, che inseguì e costruì lungo l’arco di una vita di uomo e artista. È un percorso in più giornate, per parlare ai più giovani di un’esperienza teatrale straordinaria e condividere con il pubblico una selezione di testimonianze in video, dedicata agli oltre trenta progetti teatrali presentati al Piccolo.
Diviso in due sezioni, il programma delle attività comprende un primo focus rivolto innanzitutto ai giovani che riconoscano il teatro come propria vocazione: domenica 16 e lunedì 17 febbraio, negli spazi della Scuola di Teatro che di Luca Ronconi porta il nome, sono state organizzate due giornate di serrato confronto con attori, registi, drammaturghi, scenografi, costumisti, tecnici realizzatori e di palcoscenico, studiosi, coinvolti dal regista nelle fasi di progettazione e produzione dei suoi allestimenti al Piccolo. Gli incontri vogliono interpretare anche la volontà, che ha segnato la vita di Luca Ronconi e la responsabilità del Piccolo, di tramandare il lavoro del teatro ai giovani colmando “separatezze generazionali” artificiose e strumentali.

L’approfondimento prosegue al Chiostro Nina Vinchi: in dodici appuntamenti a ingresso libero, da lunedì 17 febbraio a domenica 8 marzo, è proposta a tutto il pubblico una selezione di riprese integrali di spettacoli ronconiani, documentari e speciali dedicati al lavoro del regista.
Per vedere (e rivedere!) le produzioni che hanno fatto la storia del teatro italiano e approfondire le ragioni, e il contesto, in cui nacquero e andarono in scena. All’interno del ciclo, in anteprima, viene proiettato il nuovo docufilm In viaggio con Luca, di Gianfranco Capitta (anche conduttore in video) e Simone Marcellli (regista).

Dal 22 febbraio all’8 marzo, una mostra di manifesti al Teatro Strehler ripercorre il lavoro di Luca Ronconi al Piccolo Teatro.